Una settimana di racconti #138

Mi piace fantasticare su quali saranno gli autori che troveremo domani negli scaffali delle librerie. Se posso farlo è anche grazie al lavoro che fanno le riviste letterarie e i collettivi, che continuano a dare la possibilità agli scrittori di poter condividere i loro racconti senza necessariamente dover aspettare di farne un libro, agli autori sconosciuti di muovere i primi passi e a noi lettori di scoprire in che direzione muoverà la letteratura di domani. Fortunatamente di riviste (di carta e online) e di collettivi ce ne sono tantissimi ma sfortunatamente non ho il tempo di leggerli tutti .

Questa non è una classifica ma solo un riepilogo dei racconti che ho letto e che mi sono piaciuti questa settimana.

Cammino sul marciapiede deserto. I miei passi battono la strada nuda. I lampioni sfrigolano e si accendono al mio passaggio. Poi esplodono quando esco dal loro cono di luce. Devo tenere un fazzoletto a portata di mano, perché i colpi di tosse sono ormai violenti, mi sembra di sputare pezzi d’organi. Eppure sto bene, sono forte, il mio interno risuona con lo spazio circostante. Qualcosa sta cambiando.

Ragazzo industriale di Simone Sauza su Altri Animali

Superpoteri urbani.

Isa aveva undici anni quando morì suo padre. Si alzò da tavola per prendere il cavatappi e finì disteso davanti alla madia. Per sempre.

Per lei era stato vittima dei demoni dei cassetti, quelli che si formavano tra le palline di canfora e sbucavano allʼimprovviso dai sacchetti color écru. Le avevano insegnato che per scampare agli spiriti maligni doveva aprire i cassetti con cautela e richiuderli bene.

Denti di drago di Ilaria Petrarca su Micorrize

Seminare.

Ma Cristo Santo non ho una madre, un padre non me lo sogno nemmeno, vuoi farmi sembrare normale almeno il giorno della prima comunione?
Ti rendi conto che hai appena bestemmiato? La tua confessione l’hai buttata nel cesso. Game over ragazzino.
Ti odio.

Una madre di Manuela Montanaro su Malgrado le mosche

Istinto materno.

E inoltre:

Buone letture!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...