Una settimana di racconti #172

Mi piace fantasticare su quali saranno gli autori che troveremo domani negli scaffali delle librerie. Se posso farlo è anche grazie al lavoro che fanno le riviste letterarie e i collettivi, che continuano a dare la possibilità agli scrittori di poter condividere i loro racconti senza necessariamente dover aspettare di farne un libro, agli autori sconosciuti di muovere i primi passi e a noi lettori di scoprire in che direzione muoverà la letteratura di domani. Fortunatamente di riviste (di carta e online) e di collettivi ce ne sono tantissimi ma sfortunatamente non ho il tempo di leggerli tutti .

Questa non è una classifica ma solo un riepilogo dei racconti che ho letto e che mi sono piaciuti questa settimana.

Tutti i ragazzini della tua età si sentono soli, ma non lo siete veramente. Avete bisogno di sentirvi abbandonati, per imparare a capire quanto è bello essere cercati.
Ora percepisco una sorta di distacco tra noi, ma non riesco a rendermi conto se lo sto mettendo io oppure lui.

La differenza la fa il dolore di Mattia Grigolo su inutile

Giochi di prestigio mal riusciti.

«Ho un dispaccio da consegnare…» balbettò Persona Diligente davanti al sorriso immobile della collega di scrivania, ancora lì con lui.
«Ma sei coglione?» la donna gli accarezzò il viso. 

Comma 22 | Persona diligente di Luca Giommoni su In fuga dalla bocciofila

Farla dritta in un mondo storto

Fissando l’espressione pietosa che ha in volto sua madre mentre guarda verso il caligo, Veronica si lascia tentare dal presentimento che i tagli e le occhiate ai suoi psicofarmaci siano solo modi per richiamare l’attenzione, per rammentarle che la protagonista di quella storia è ancora lei, anche se vecchia.

Caligo di Niccolò Palombo su Malgrado le mosche

Incontro alla fine.

Davanti al portone accese una sigaretta e seguì la spirale di fumo nell’aria, fin dove si vedeva. Lo sguardo rivolto verso l’alto si accorse di un gatto nero appollaiato sul davanzale della finestra con la coda che dondolava lenta nel vuoto, il gatto schiuse per un attimo gli occhi e fissò Leòn.

Leòn di Anna Voltaggio su Nazione Indiana

Questione di dolore.

E ancora:

Buone letture!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...