Ti racconto l’ufficio stampa: intervista a Silvia Bellucci

Per gli addetti ai lavori l’editoria si basa su poche semplici regole. Per chi vorrebbe entrare a farne parte sembra un labirinto con una porta invisibile. Per capirci qualcosa in più IBiB ospiterà alcuni addetti ai lavori che proveranno a spiegarci meraviglie e dannazioni dell’affascinante mondo dell’editoria.

Partiamo con l’ufficio stampa interfaccia tra casa editrice e mondo esterno. Voce dei libri pubblicati e ombra degli scrittori.

In cosa consiste il lavoro dell’ufficio stampa? Come è cambiato con i social? Quali caratteristiche deve avere? Ne parliamo con Silvia Bellucci. Brillante, curiosa e “indipendente”. 

IMG_4534

Photo Credit: Luca Linzalata

Continua a leggere

Ti racconto Crack

Chi frequenta questo spazio sa che sono un’assidua lettrice di riviste letterarie e di collettivi di scrittura. Amo scoprire nuove storie e nuove voci. Oggi incontro Crack RivistaUn gruppo di scrittori e lettori appassionati di storie in ogni loro forma. Ribellione e unione riescono a fondersi in Crack e a darle energia vitale per continuare a sovvertire le regole creando. 

 

44083361_1908481159227886_4955398447101378560_n Continua a leggere

Ti racconto Narrandom

Chi frequenta questo spazio sa che sono un’assidua lettrice di riviste letterarie e di collettivi di scrittura. Amo scoprire nuove storie e nuove voci. Oggi incontro NarrandomUn gruppo di scrittori che inseguono la magia della scrittura alla ricerca di una crescita continua. Nel loro caos letterario è possibile scoprire quante storie possono nascondersi dietro una parola. 

16427620_1223131704390804_7109330861529023502_n Continua a leggere

Vita e morte delle aragoste

“Mentre rientrava in casa pensai all’infinità di cose che faceva senza dirlo a nessuno e senza che io lo vedessi. Mi domandai dove andassero a finire tutti quei momenti in cui era il solo testimone di sé stesso. Che porzione di Teapot conoscevo? Quale lui raccontava, quale avrei raccontato io?”

aa25f7f6d3684fdef714c33e6a80a217_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

Continua a leggere

Ti racconto Tre racconti

Chi frequenta questo spazio sa che sono un’assidua lettrice di riviste letterarie e di collettivi di scrittura. Amo scoprire nuove storie e nuove voci. Oggi incontro Tre racconti. Un gruppo di lettori che vuole scardinare tutti gli stereotipi che da sempre accompagnano i racconti. Una rivista ben curata nella grafica e nei contenuti che vuole appassionare i lettori alla forma breve.

logo tre racconti

Continua a leggere

La vita lontana

“Esco apposta, per farmi colpire da qualcosa di oggettivo”

 

COPERTINA_DOTTA_forse def

 

Da quando ho chiuso l’ultima pagina di “La vita lontana” di Paolo Pecere sono affollata di domande e di parole. Singole parole che ogni tanto salgono in superficie e si accomodano nella mia testa. Ad ogni parola se ne aggiunge un’altra e poi un’altra ancora fino a diventare pensiero poi domanda e infine flusso che m’investe e a cui non sempre so rispondere. Già solo per questo sciame che lascia dopo averlo letto, io questo libro lo prescriverei a tutti “cinque pagine tre volte al giorno”. Continua a leggere

L’estate muore giovane

“Bene, Male… Non è assolutamente così schematico come sembra. Non è per niente facile definire, o prevedere, le persone sulla base delle loro azioni. Un’azione, per quanto specifica ed estrema, non basta a collocare un individuo nelle categorie del Bene o del Male. Non lo definisce, nel suo insieme, e non gli impedisce di compiere un’azione di segno contrario in un’altra situazione o momento dell’esistenza”

lestate-muore-giovane-d536

“L’estate muore giovane” è il romanzo d’esordio di Mirko Sabatino edito dalla Nottetempo. È un romanzo complesso e ricco che si svolge nell’estate del 1963 in un piccolo paesino del Gargano dove una serie di eventi cambierà per sempre le vite di Primo, Damiano e Mimmo, i tre dodicenni protagonisti del libro. Continua a leggere

La barriera

“Sono scappato dalla povertà e dalla guerra. Non riuscirei a sopravvivere se tornassi indietro. E non sarei partito, se fossi riuscito a sopravvivere in Italia. Ti sto chiedendo di aiutarmi. Quale personale visione dell’umanità ti impedisce di farlo?” 

IMG_20180116_112632_240

La barriera 

Vins Gallico Fabio Lucaferri Ed. Fandango 2017 

“La barriera” è un libro ambientato in una Berlino diventata un carcere a cielo aperto con telecamere a controllarti ovunque e perimetri da non valicare, molto lontana dalla città libera e colorata che è oggi. Questo illusorio ordine nasconde interi quartieri popolati da sbandati e da ultimi in cerca di un polsino o un tatuaggio identificativo per poter vivere alla luce del sole. Continua a leggere

Le rose non si usano più

A cinque anni, la mia ammirazione per Massimo Ranieri era totalizzante, assoluta, esisteva solo lui. Proprio per questo non era vera ammirazione, piuttosto una fissa pre-scolare con una bella storia dietro. Non valeva, nel senso adulto e consapevole del termine. Il fatto che Ranieri si fosse avvicendato ai miei idoli di infanzia, in un certo senso lo smitizzava, lo rendeva una semplice figurina da collezionare, per poi chiudere l’album completo e non aprirlo mai più.

A dodici anni era un capriccio, il regalo non desiderato ma che, in quanto regalo, marchiavo con la stimma dell’esclusività, dell’appropriazione: è mio, mio e di nessun altro.  Non mi piace tanto Ranieri, mi piace piuttosto il fatto che non sia vostro. Continua a leggere